Differenze tecniche tra 312T4 e 312T5

Aneddoti, immagini, informazioni inerenti le vecchie stagioni

da duvel » 08/04/2019, 17:50

Non dimentichiamoci che la 126C grazie al propulsore "stretto" era molto più wing-car della T5.
La T5 era un'evoluzione della T4 che nell'effetto suolo poteva già progredire poco di suo per via del 12 cilindri piatto, rispetto alla Ferrari gli altri affinarono il concetto e fecero passi da gigante al confronto. Pure la 79 nel suo secondo anno di gare combinò poco, non solo per il tempo perso per correr dietro alla 80 ma probabilmente anche per questioni telaistiche (in riferimento a quanto disse Peter Wright, il telaio aveva parecchia torsione ma il risucchio creato dava un tal vantaggio in curva che non ce ne fu per nessuno...)
Avatar utente
duvel
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2085
Iscritto il: 04/11/2007, 0:00
Località: Bergamo

da groovestar » 09/04/2019, 8:50

Beh certamente il turbo avrebbe avuto molti problemi in gara, ma di certo si sarebbero raccolti dati importanti per la successiva stagione.
Tuttavia comprendo la riluttanza del padrone nel mettere in pista un motore che avrebbe potuto portare imbarazzi per quanto attiene alla affidabilità.

In ogni caso, se guardiamo alla stagione nella sua interezza, i riscontri velocistici furono, nella prima metà dell'anno, mediocri ma non disastrosi (con Villeneuve per lo meno).
In gara poi Gilles collezionò 4 ritiri nelle prime 6 gare, ottenendo finalmente punti in Belgio (nonostante una qualifica fuori dalla top 10) ed a Monaco, mentre Jody arruvò quinto negli USA.
Da Monaco in avanti ci fu un tracollo, forse dovuto alla decisione di concentrarsi sul turbo.
Se confrontiamo le prestazioni di inizio anno, ci rendiamo conto come le prestazioni della T5 non fossero poi così lontane da quelle della T4 di fine 1979 (escludendo il momento di forma strepitosa di Villeneuve), ma furono invero gli avversari a recuperare una gran verve:
La Williams era al top e correva con 2 prime guide (mentre nel 1979 Regazzoni venne messo un po' in disparte dopo la sua vittoria a Silverstone), parimenti la Ligier affiancò a Lafitte un Pironi in ascesa, confermando il buon inizio di stagione dell'annata precedente, inoltre occorre aggiungere che la Renault iniziò a raccogliere i frutti del proprio lavoro con Arnoux, autore di un ottimo inizio di campionato, inoltre ci fu l'esplosione di Nelson Piquet e della sua fantastica Brabham. Aggiungiamoci poi gli sporadici podi di De Angelis e Patrese e comprenderemo meglio la situazione di quel 1980, in cui agli abituali frequentatori del podio del 1979, si aggiunsero Pironi, Piquet e Reutemann.

Penso che ci fu forse un po' di sottovalutazione.
Gli avversari si presentarono con auto molto migliorate e subito competitive, mentre la Ferrari non progredì con lo stesso passo ed anzi, ebbe molti problemi di affidabilità (I problemi di motore di Scheckter sono davvero tanti). Non bastasse nel corso della stagione non riuscì a migliorare il proprio mezzo e si ritrovò a correre con un unico pilota, complice la disaffezione di Jody (che, letto l'articolo, appare molto più comprensibile il suo scarso impegno).
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7492
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

da 330tr » 09/04/2019, 11:02

groovestar ha scritto:...
Tuttavia comprendo la riluttanza del padrone nel mettere in pista un motore che avrebbe potuto portare imbarazzi per quanto attiene alla affidabilità.
...


In realtà, come spesso ricorda Furia, il più entusiasta e "aggressivo" era proprio Ferrari Enzo, e i suoi dovevano tenerlo a freno..
Nell'80 l'affidabilità non c'era, i motori in sala prove probabilmente non duravano un GP, e fu saggio non esordire in stile "teiera" Renault. Esplosioni e consequienziali esami e modifiche era più prolifico studiarseli con comodo in casa...
Mi fa specie solo il non aver messo in atto un irrigidimento strutturale necessario, ed anzi essere andati verso un alleggerimento a discapito della tenuta della vettura. S'era certamente capito che la classica concezione tubolare pannellato aveva ormai esaurito il suo ciclo e venne assunto l'inglese, ma ciò non toglie che proprio l'inglese fu il primo a mettere mano al vecchio telaio aumentandone con modesti e già prima fattibilissimi interventi la resistenza alle aumentate sollecitazioni delle wing-car (o semi-wing qual'era la T4/5)
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4241
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da 330tr » 09/04/2019, 13:37

Per la cronaca, la modifica al telaio '81 eseguita da Postlethwaite

Immagine

Notare come ancora la scocca ai lati sia bassa (modifica non facilmente eseguibile?), cosa che parrebbe non contrastare efficacemente flessioni e torsioni, mentre l'anteriore è stato irrobustito e già fa intravvedere il lavoro che verrà fatto sulla C2
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4241
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da 330tr » 09/04/2019, 13:47

La T5 pilotata nuda da Gilles..
Immagine
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4241
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da groovestar » 09/04/2019, 15:05

Questa foto mi ha sempre impressionato, soprattutto pensando al botto di Imola
Avatar utente
groovestar
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 7492
Iscritto il: 09/03/2004, 0:00

Precedente

Torna a Formula 1 Storica

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 4 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 4 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 107 registrato il 24/10/2018, 16:41
  • Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti