CIRCUITO DI MONZA - ieri e oggi

Aneddoti, immagini, informazioni inerenti le vecchie stagioni

da gillesthegreat » 03/12/2008, 8:50

Ciao a tutti, per un esame universitario devo rilevar e presentare un progetto di consolidamento e possibile riutilizzo delle curve sopraelevate dell'autodromo brianzolo.
voi da appassionati realisti come le vorreste quelle curve, e che funzione avrebbero nei vostri sogni (realizzabili)?
PER SCOPRIRE IL LIMITE DEVI PRIMA PASSARLO
Avatar utente
gillesthegreat
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1008
Iscritto il: 10/03/2007, 0:00

da echoes » 03/12/2008, 9:44

mah...il mio sogno sarebbe vederle riutilizzate come erano utilizzate nei pochi anni dove un giro a monza comprendeva sia lo stradale sia l'anello ad alta velocità...

so che è impraticabile (credo)...ma è l'unica cosa che mi viene in mente...
"E' l'eterno e sempre presente pericolo della morte a rendere sublimi le corse automobilistiche" (S. Moss)
Avatar utente
echoes
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2025
Iscritto il: 08/06/2005, 23:00
Località: Bologna

da eddiesachs » 03/12/2008, 11:11

Nel 2002 le curve sopraelevate erano utilizzabili, perlomeno quella posta dietro la parabolica: fu utilizzata nel giugno di quell'anno durante una gara di regolarità del CMAE (Club Milanese Automotoveicoli d'Epoca) di Milano. Non ricordo se veniva utilizzata anche la sopraelevata posta in fondo al rettilineo.
Sicuramente era utilizzata nei primi anni novanta durante il Rally dell'autodromo.
eddiesachs
Formula 2
Formula 2
 
Messaggi: 411
Iscritto il: 23/10/2008, 8:13

da alexboy » 03/12/2008, 11:46

Ciao a tutti.

La questione sulla conservazione della sopraelevata di Monza risale ai primi anni 90.
Ci sono stati studi per il restauro, polemiche, proteste per qualcuno che voleva abbatterle (ma senza valutare i costi) , ci sono state anche quelle da parte dei soliti ambientalisti che vorrebbero recuperare la superficie di parco occupata (sì , certo, dopo più di 50 anni che cosa vuoi recupere di quel terreno? Che cosa ci fai crescere?).

Tempo fa leggevo che alcuni giapponesi erano andati a visitare l'autodromo e quello che volevano vedere erano le sopraelevate : la pista già la conoscevano.
Questo per dire che gli appassionati di tutto il mondo conoscono quelle curve e anche loro sanno che sono leggendarie, oltre che una notevole opera di architettura e ingegneria del "900 italiano.
Non bastano queste prerogative per il loro recupero?

Non è la prima volta che sento parlare di progetti e non sarà nemmeno l'ultima.
Fossimo in un altro paese, sarebbero state restaurate e utilizzate almeno per manifestazioni non competitive, mostre.
Anzi, il rally di Monza le usava tutte e 2, mettendo delle chicane con le protezioni di plastica piene d'acqua : c'ero nel 1997 e le sopraelevate erano piene di appassionati.

Man mano che gli anni passano, il loro stato peggiora, avvalorando l'idea di abbattere un pezzo fondamentale dell'Italia motoristica.
L'unica idea plausibile è il restauro e deve essere fatto al più presto.
Poi la si potrebbe usare per gare storiche, Rally e F Junior, mettendo delle chicane al loro ingresso (come è presente quella prima della parte sud) e una chicane in centro.
Per limitare la pericolosità dei sorpassi sulle stesse, si può valutare la regola di vietare il sorpasso ( a meno di guasti all'auto di un pilota) : tale regola esisteva già negli anni 60, quando si correva il GP per F Junior e turismo 1000 cc sul Circuito del Garda nella discesa delle Zette.
Escludo la possibilità di farci correre F3 , GT e WTCC : troppo basse, spancerebbero e poi le prestazioni non sarebbero adeguate alla sicurezza : pensate che fino al 1971 (se non sbaglio) ci facevano correre anche i prototipi, mettendo le chicane agli ingressi delle 2 parti, ma poi la sopraelevata la si faceva in piena accelerazione...

Per recuperare le spese di gestione e restauro, perchè non includere la circolazione turistica?
Fanno girare cani e porci sul vecchio Nurburgring, non vengano a dirci che sarebbe meno pericoloso fare le 2 sopraelevate (sempre con rallentamento alle chicane iniziali).
L'importante è realizzare guard rail come i muretti degli ovali americani, con anche la rete di contenimento.
Purtroppo all'interno delle curve non c'è spazio di fuga, c'è il terrapieno, lì sarebbe un problema.

Ogni inverno il ghiaccio indebolisce la struttura in cemento armato, se andate a farci un giro a piedi o in bici (si può perfettamente fare quasi tutto l'anello) vi renderete conto dei buchi e di quanto sia rovinata, divenendo anche pericolosa per via dei guard rail superiori che tendono a staccarsi cadendo giù.
Io sono sicuro che qualcuno ha interesse al loro abbandono, non si spiegherebbe il fatto che nessuno si faccia carico di restaurarle : certo, costerebbe, poi non siamo in un periodo adeguato, ma sono anni che se ne parla ma poi.... Welcome in Italy.
Avatar utente
alexboy
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 18/03/2004, 0:00

da duvel » 03/12/2008, 13:28

Temo che inizieranno a fare qualcosa solo quando le sopraelevate inizieranno a cadere davvero a pezzi...e ho paura che quel che faranno sarà quello di buttarle giù del tutto :bored:
Purtroppo manutenzione non he hanno mai fatta, o perlomeno è quello che sembra, e siamo ridotti a questo punto.
Certo che con un eventuale restauro, non so quale tipo di competizione potrebbe prendere in seria considerazione l'utilizzo, me lo vedrei più come banco prova per test di durata, prove pneumatici e altro.
Mi disse mio padre com'era impressionante veder le vetture uscire a cannone dal tunnel e contemporaneamente vederle sfrecciare sulla sopraelevata :o
Avatar utente
duvel
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2112
Iscritto il: 04/11/2007, 0:00
Località: Bergamo

da Pedro59 » 03/12/2008, 20:11

[quote="alexboy"]
(...)
Escludo la possibilità di farci correre F3 , GT e WTCC : troppo basse, spancerebbero e poi le prestazioni non sarebbero adeguate alla sicurezza : pensate che fino al 1971 (se non sbaglio) ci facevano correre anche i prototipi, mettendo le chicane agli ingressi delle 2 parti, ma poi la sopraelevata la si faceva in piena accelerazione...
(...)
[/quote]
Intervengo solo per dire che, secondo me, l'ultima volta che la 1000 Km di Monza utilizzò quello che allora chiamavamo "l'anello di alta velocità" fu nell'edizione del '69, mentre nel Gran Premio le sopraelevate erano state bandite già dal '61 (nel '60 c'era stata anche la clamorosa rinuncia dei team inglesi a partecipare al Gran Premio d'Italia proprio perché il percorso comprendeva l'anello di alta velocità, o almeno quella fu la motivazione ufficiale).
"For if the trumpet give an uncertain sound, who shall
prepare himself to the battle?"  1 Corinthians 14/8
------------
"Che la vuoi una mora ?" - stepv11 /15-11-11
"Dou you like a blackberry ?"
"Machen Sie mögen eine Brombeere ?"
"Est ce que tu veux une mûre ?"
"Hágale quiere una zarzamora ?"
Avatar utente
Pedro59
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1450
Iscritto il: 30/08/2008, 14:34
Località: S.Piero a Sieve (FI) - Mugello

da CR0N0 » 04/12/2008, 10:54

[quote="alexboy"]
La questione sulla conservazione della sopraelevata di Monza risale ai primi anni 90.
Ci sono stati studi per il restauro, polemiche, proteste per qualcuno che voleva abbatterle (ma senza valutare i costi) , ci sono state anche quelle da parte dei soliti ambientalisti che vorrebbero recuperare la superficie di parco occupata (sì , certo, dopo più di 50 anni che cosa vuoi recupere di quel terreno? Che cosa ci fai crescere?).

Tempo fa leggevo che alcuni giapponesi erano andati a visitare l'autodromo e quello che volevano vedere erano le sopraelevate : la pista già la conoscevano.
Questo per dire che gli appassionati di tutto il mondo conoscono quelle curve e anche loro sanno che sono leggendarie, oltre che una notevole opera di architettura e ingegneria del "900 italiano.
Non bastano queste prerogative per il loro recupero?

Non è la prima volta che sento parlare di progetti e non sarà nemmeno l'ultima.
Fossimo in un altro paese, sarebbero state restaurate e utilizzate almeno per manifestazioni non competitive, mostre.
Anzi, il rally di Monza le usava tutte e 2, mettendo delle chicane con le protezioni di plastica piene d'acqua : c'ero nel 1997 e le sopraelevate erano piene di appassionati.

Man mano che gli anni passano, il loro stato peggiora, avvalorando l'idea di abbattere un pezzo fondamentale dell'Italia motoristica.
L'unica idea plausibile è il restauro e deve essere fatto al più presto.
Poi la si potrebbe usare per gare storiche, Rally e F Junior, mettendo delle chicane al loro ingresso (come è presente quella prima della parte sud) e una chicane in centro.
Per limitare la pericolosità dei sorpassi sulle stesse, si può valutare la regola di vietare il sorpasso ( a meno di guasti all'auto di un pilota) : tale regola esisteva già negli anni 60, quando si correva il GP per F Junior e turismo 1000 cc sul Circuito del Garda nella discesa delle Zette.
Escludo la possibilità di farci correre F3 , GT e WTCC : troppo basse, spancerebbero e poi le prestazioni non sarebbero adeguate alla sicurezza : pensate che fino al 1971 (se non sbaglio) ci facevano correre anche i prototipi, mettendo le chicane agli ingressi delle 2 parti, ma poi la sopraelevata la si faceva in piena accelerazione...

Per recuperare le spese di gestione e restauro, perchè non includere la circolazione turistica?
Fanno girare cani e porci sul vecchio Nurburgring, non vengano a dirci che sarebbe meno pericoloso fare le 2 sopraelevate (sempre con rallentamento alle chicane iniziali).
L'importante è realizzare guard rail come i muretti degli ovali americani, con anche la rete di contenimento.
Purtroppo all'interno delle curve non c'è spazio di fuga, c'è il terrapieno, lì sarebbe un problema.

Ogni inverno il ghiaccio indebolisce la struttura in cemento armato, se andate a farci un giro a piedi o in bici (si può perfettamente fare quasi tutto l'anello) vi renderete conto dei buchi e di quanto sia rovinata, divenendo anche pericolosa per via dei guard rail superiori che tendono a staccarsi cadendo giù.
Io sono sicuro che qualcuno ha interesse al loro abbandono, non si spiegherebbe il fatto che nessuno si faccia carico di restaurarle : certo, costerebbe, poi non siamo in un periodo adeguato, ma sono anni che se ne parla ma poi.... Welcome in Italy.[/quote]
Mandiamoli a striscia!!! :laugh:
Immagine
Avatar utente
CR0N0
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 64
Iscritto il: 08/11/2008, 19:24
Località: Roma

da Uitko » 04/12/2008, 11:13

[quote="gillesthegreat"]
Ciao a tutti, per un esame universitario devo rilevar e presentare un progetto di consolidamento e possibile riutilizzo delle curve sopraelevate dell'autodromo brianzolo.
voi da appassionati realisti come le vorreste quelle curve, e che funzione avrebbero nei vostri sogni (realizzabili)?
[/quote]
Tornando in topic, io le vorrei ESATTAMENTE come furono nei tempi d'oro, il percorso lungo sul quale corsero l'ultima volta in F1, e vorrei le utilizzasero con le stesse auto d'epoca per manifestazioni. Sarebbe da sbavo..
Immagine
"Quando voglio andare più veloce non c'è bisogno che spinga. Basta che mi concentri un pò." (Jim Clark)
Avatar utente
Uitko
Administrator
Administrator
 
Messaggi: 5045
Iscritto il: 15/12/2003, 0:00
Località: Zena

da alexboy » 04/12/2008, 11:47

[quote="Pedro59"]
[quote="alexboy"]
(...)
Escludo la possibilità di farci correre F3 , GT e WTCC : troppo basse, spancerebbero e poi le prestazioni non sarebbero adeguate alla sicurezza : pensate che fino al 1971 (se non sbaglio) ci facevano correre anche i prototipi, mettendo le chicane agli ingressi delle 2 parti, ma poi la sopraelevata la si faceva in piena accelerazione...
(...)
[/quote]
Intervengo solo per dire che, secondo me, l'ultima volta che la 1000 Km di Monza utilizzò quello che allora chiamavamo "l'anello di alta velocità" fu nell'edizione del '69, mentre nel Gran Premio le sopraelevate erano state bandite già dal '61 (nel '60 c'era stata anche la clamorosa rinuncia dei team inglesi a partecipare al Gran Premio d'Italia proprio perché il percorso comprendeva l'anello di alta velocità, o almeno quella fu la motivazione ufficiale).

Ciao Pedro59.

TI ringrazio per la precisazione relativa all'ultimo anno in cui si è corso la 1000 km con l'anello.
Ho in giro una foto che ritrae Richie Ginther con la BRM del 1962 mentre sfreccia sulla sopraelevata : forse sono state delle prove extra, non so, però nel 1962 si corse sul normale stradale.
Sai per caso se gli organizzatori avevano previsto l'uso dell'anello anche per il 1962?
Certo è che già nel 1960 gli inglesi si lamentarono per le sollecitazioni dell'anello, qualcuno diceva che si prendevano delle belle botte alla schiena : per questo non corsero il GP.

Epiche furono le edizioni della 500 miglia di monza del 1957 e 1958 con i piloti di Indianapolis, con Musso che partì in pole girando a 284 km/h di media , che per un bel pò rimase il record di velocità su circuito chiuso.

Però, che bello sarebbe recuperarla...
  Ciao.

[/quote]
Avatar utente
alexboy
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 18/03/2004, 0:00

da Powerslide » 04/12/2008, 12:57

Anche secondo me la cosa giusta sarebbe ripristinare il tutto come era una volta.  :001_rolleyes:
Certo che le condizioni attuali sono terribili e fanno male al cuore. La spesa non sarebbe affatto contenuta e sperare di averne un ritorno con manifestazioni o simili è abbastanza utopistico.
Però sotto la curva Nord (la prima, quella che scavalca la pista) esitono molti locali ormai fatiscenti e forse adibiti a magazzini: si potrebbero dare in uso gratuito all'eventuale sponsor interessato al riprisino della Sopraelevata e questi li potrebbe usare a suo piacimento come showroom o museo o quant'altro.

In quanto all'utilizzo dell'anello d'alta velocità, esclusa la possibilità di farci correre le F1 o anche altre monoposto, non vedo perchè Sport Prototipi e GT non potrebbero percorrerlo: se lo facevano P4 e GT40 lo possono fare anche loro. Le due chicanes all'ingresso delle curve, le facevano ripartire quasi da ferme e non c'era nessun pericolo: non ricordo il minimo incidente in quel tratto di pista.
Diverso era senza le varianti: la spinta in basso era veramente repentina e consistente. Come ricordato da Pedro le squadre inglesi si rifiutarono di partecipare al GP del '60 e fecero molte difficoltà a partecipare a quello del '61. Il motivo dichiarato era che le sospensioni andavano "a pacco" e i ......... garagisti  :) temevano per la resistenza delle loro vetture. Il Drake rispose dicendo: "Che le facciano più robuste!".
Il GP del '61 si disputò alla fine, seppure tra mille polemiche, sul tracciato completo. Purtroppo l'incidente di Von Trips, che nulla aveva a che vedere con la Sopraelevata, la mise ugualmente in cattiva luce e ne segnò la fine per la F1.
In altrettanta cattiva luce la mise il film "Grand Prix" con l'invenzione del regista d'un impossibile incidente che pensò di collocare proprio lì, nonostante non ci si corresse più da anni  :(
Forse però proprio questa cattiva luce potrebbe essere sfruttata a suo favore: dai turisti è conosciuta e potrebbe costituire un'attrazione a .......... pagamento.  8)

Per un suo utilizzo agonistico, che come detto non considero affatto impossibile per l'endurance - a Daytona si corre  :thumbup1: - esistono però un paio di problemi.
Il primo è che il terreno tra il rettifilo opposto alle tribune (quello che va dall'Ascari alla Parabolica) e quello tra le due curve sopraelevate, non è più in affitto all'autodromo e quindi è tagliato fuori dagli spostamenti degli spettatori.
Il secondo, più grave, è che con la costruzione dei nuovi (faraonici) box e relativa pitlane, buona parte della vecchio rettilineo è stato occupato ed ora non è più sufficiente per permettere lo scorrimento parallelo dei due tracciati: quello che uscendo dalla Curva Sud portava al Curvone (oggi alla prima chicane) e quello che dalla Parabolica portava alla Curva Nord.

Ci sarebbero poi tante altre cose da ripristinare nell'Autodromo: il viale Mirabello una cui porzione era adibita fino al '38 a circuito col nome Rettifilo del Vialone - perfettamente asfaltato finchè era nel terreno in affitto, oggi abbandonato con buche di mezzo metro  >:( -; il circuito Pirelli; ciò che resta del corto rettilineo che univa le due Curvette o Curve in Porfido; il Raccordo Florio - anche lui perfetto fino all'esproprio  >:( -; l'insieme dei vialetti che convergevano tutti in uno spiazzo circolare attrrezzato; la Cascina del Serraglio - oggi fatiscente e adibita a pollaio  >:( .

Vabbè, mi son sfogato (e mangiato un pezzettino di fegato  :( ). Per capir meglio di cosa parlo vi rimando al sito del fantastico Guido de Carli:

http://www.gdecarli.it/php/index.php?var1=2&var2=1

Dopo essere andati su ITA > Monza (ci può mettere un po' a caricarsi perchè ci sono tutti i circuiti del mondo  :o ) in fondo potete vedere una serie di foto molto belle (e tristi  :( ).

Dimenticavo: da bambino ho avuto modo di percorrere la Sopraelevata (senza chicanes  :001_rolleyes: ) a bordo di una Lancia Aurelia B20 guidata (ovviamente) da un amico di famiglia. Non capivi di essere inclinato (e di quanto  :o ) , ma sembrava che fosse l'orizzonte a mettersi di sbieco  :thumbup: 
Ultima modifica di Powerslide il 27/09/2012, 10:00, modificato 1 volta in totale.
Io non accetto che per trovare l’effetto suolo si debba strisciare per terra. Secondo me è assurdo, è immorale da un punto di vista tecnico. (Mauro Forghieri)
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6395
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da bschenker » 04/12/2008, 13:27

Avrai uns domanda. Una volta aveva letto che su test privati della Ferrari (modello con motore dietro) si sarebbeno piegato dopo diversi passaggi nella sopra elevata, mi sembra il articolo era scritta da Adriano Cimarosti.
Puo essere vero o e soltanto uno dai tanti aver sentito dire.
Avatar utente
bschenker
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2032
Iscritto il: 06/11/2008, 22:11
Località: Lugano

da sgarbo » 04/12/2008, 13:54

Sulla sopraelevata il Rally viene ancora corso, quindi per ora sono ancora praticabili.

Ho avuto la fortuna di provare il banking con la mia macchina :o, semplicemente perchè mi trovava a Monza nel giorno giusto al momento giusto, così sono riuscito ad entrare sulla sopraelevata approfittando dei cancelli aperti.....e vi assicuro che anche se non sono salito (non mi fidavo) si sente moltissimo....d'altronde il banking è dell'80%..mentre a Dayrtona ad esempio del 31%....

Sul riutilizzo io non so perchè ma non mi trovo d'accordo. Io spesso sono a MOnza e mi trovo lì è ciò che veramente mi piace è "la ruggine"...camminare sulla sopraelevata e immaginarmi le gare di un tempo. Non mi piacerebbe vedere la pista rimessa a nuovo per ospitare gare di oggi, con tutti gli standard che oggi ci vorrebbero per omologare una pista del genere (cosa comunque impossibile).

Io c'èsolo una cosa che rifarei a Monza: ovvero riorganizzare la gara di F. Junior che venivacorsa alla sera sulla pista Junior. Quella è la cosa che un pò mi manca, mentre per tutto il resto...mi piace che le rovine con la loro ruggine continuino a "puzzare di storia"....
1-5-1994:La fine di una storia,l'inizio di una leggenda.
Avatar utente
sgarbo
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2783
Iscritto il: 24/10/2005, 23:00
Località: varese

da Pisy » 04/12/2008, 14:11

Un mio caro parente da ragazzo faceva il fotografo e assistette alle ultime 1000 km che facevano sul tracciato con anche le sopraelevate. Mi racconta sempre di quando con altri fotografi si appostavano su alcune di quelle torrette a ridosso dell'esterno dei curvoni rialzati per poter scattare le foto delle vetture in velocità; le vetture passavano lanciate a 300 all'ora e saltavano sulle giunzioni dei blocchi di cemento che costituivano le sopraelevate, era come essere in guerra e tali balzi a quella velocità sembravano delle schioppettate. Tutti i temerari dopo pochi minuti e alcune foto scappavano terrorizzati...A parte questa novella, sarebbe fantastico che un mecenate riuscisse nell'impresa di ristrutturare tutto questo pezzo dello storico circuito, ma dopo per rientrare dell'investimento non saprei proprio cosa ci si potrebbe organizzare e come poterlo utilizzare al meglio. Certo il rally, le auto storiche, ma che altro
Avatar utente
Pisy
Formula 2
Formula 2
 
Messaggi: 456
Iscritto il: 21/04/2005, 23:00
Località: Bologna

da sgarbo » 04/12/2008, 16:38

[quote="pisy"]
A parte questa novella, sarebbe fantastico che un mecenate riuscisse nell'impresa di ristrutturare tutto questo pezzo dello storico circuito, ma dopo per rientrare dell'investimento non saprei proprio cosa ci si potrebbe organizzare e come poterlo utilizzare al meglio. Certo il rally, le auto storiche, ma che altro
[/quote]

Praticamente niente. Perchè il banking andrebbe ridotto, quindi andrebbe abbattutto tutto e poi ricorstruito....e quello per me sarebbe un vero e proprio scempio....

Monza per me alla fine è un museo a cielo aperto....non so quanti di voi anno poi avuto la fortuna di andare sulla pista Pirelli....un altro museo a cielo aperto...
1-5-1994:La fine di una storia,l'inizio di una leggenda.
Avatar utente
sgarbo
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2783
Iscritto il: 24/10/2005, 23:00
Località: varese

da Powerslide » 04/12/2008, 17:16

[quote="sgarbo"]

Praticamente niente. Perchè il banking andrebbe ridotto, quindi andrebbe abbattutto tutto e poi ricorstruito....e quello per me sarebbe un vero e proprio scempio....

Monza per me alla fine è un museo a cielo aperto....non so quanti di voi anno poi avuto la fortuna di andare sulla pista Pirelli....un altro museo a cielo aperto...
[/quote]

Ma no, perchè ridurre il banking: se andava bene cinquan'anni fa andrebbe bene anche oggi (se viene percorso da automobili).
Ricordo che c'era una linea gialla che indicava il limite sopra il quale non si poteva andare se non dopo aver raggiunto una velocità minima (che non ricordo quale fosse).

Comunque andrebbe tutto ristrutturato: Sopraelevata, Circuito Pirelli (devastato per arretrare il Curvone  >:( ), Vialone ecc. Magari per restare solo un museo a cielo aperto, ma così non può andare avanti perchè fra un po' crolla tutto. Il sottopasso della Curva Sud sul Viale Mirabello è già da anni chiuso e puntellato: non è un bello spettacolo!

Un po' di nostalgia:
questa era l'entrata della Curvetta. Si arrivava dal Viale Mirabello (quello esterno all'attuale Rettifilo Opposto) e si percorreva una curva semicircolare - con un filo di banking - che portava sul rettifilo d'arrivo. Era così fino alla metà degli anni 30, poi il rettifilo opposto fu spostato nella posizione attuale e la Curvetta sostituita dalla Parabolica. La Curvetta era una settantina di metri prima, quindi di lei non è rimasto nulla.
Nella foto non si vede la vecchia Sopraelevata perchè molto più distante e più bassa dell'attuale (o forse perchè la prima era già stata abbattuta e la nuova ancora non esisteva. Mah?)

Immagine

Ora chiudete gli occhi e pensate di arrivarvi sparati da Lesmo al volante di uno di quei mostri tanto cari al caro sundance  :o :o :o

P.S. Non andate subito in corda: questa non "apre" come la Parabolica  8)
Io non accetto che per trovare l’effetto suolo si debba strisciare per terra. Secondo me è assurdo, è immorale da un punto di vista tecnico. (Mauro Forghieri)
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6395
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

Prossimo

Torna a Formula 1 Storica

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 2 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 2 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 142 registrato il 22/08/2019, 13:04
  • Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti