Lorenzo BANDINI

Aneddoti, immagini, informazioni inerenti le vecchie stagioni

da avvocato » 10/06/2018, 18:34

Scusami nannimeli, su video e foto che tu reputavi inediti abbiamo fatto approfondimenti di circa 200 (duecento, repetonsi 200, anzi refuso 195) pagine quasi tre anni fa su questo thread.
Sarebbe a mio parere più corretto e completo le leggessi queste pagine.

Poi comprendo che non se ne abbia voglia o tempo, però non è che da semplici tue impressioni visive, non supportate peraltro da alcuna prova, si possa ritenere di avere scoperto chissà cosa.
Avatar utente
avvocato
GP2
GP2
 
Messaggi: 910
Iscritto il: 10/12/2014, 16:02

da Powerslide » 10/06/2018, 22:56

Stamattina mi sono alzato abbastanza presto e dovendo aspettare le 20 per il Gp del Canada, non avendo niente di meglio da fare :cry: , mi sono messo a rileggere queste pagine. Sarò sincero ho cominciato più o meno da pag.40, ma è stato un bello sforzo ugualmente.
Prima osservazione: più di metà delle foto è andata persa è questo mi ha reso veramente triste. Non sono "foto ricordo" bensì "foto inchiesta" e questo è veramente un peccato.
Seconda osservazione: trovo la ricerca semplicemente favolosa. Un gran lavoro di squadra.

A intervalli mi son rivisto i primi giri del filmato full-race che full non è, ma è molto utile.
Vi chiederei di riguardare i primi 4 giri: è uno sforzo che si può fare senza molta fatica.
Qualcosa mi frullava per la testa e rileggere le pagine con le opinioni e i contributi di tutti mi ha fatto bene. Veniamo al punto.
Il Tunnel, lo sapevo ma non ci ragionavo, è molto più lungo oggi di quanto non fosse allora: più corto sia in ingresso che in uscita.
Lì c'era e c'è la curva che Jean Alesi ha battezzato come la più difficile del mondiale e detto da lui non è poco.
E' una curva a dx quindi la imposterò entrando tutto a sx, andando a dx a prendere la corda, per poi uscire nuovamente a sx lasciando scorrere la vettura. Oggi siamo usi a vedere le macchine uscire a dx, ma siamo almeno 150 mt dopo l'uscita del Tunnel di allora.
Bandini non era fuori traiettoria: seguire la parte scura e gommata della pista per credere!!
Quando sta per uscire dal Tunnel rallenta visibilmente e Hulme lo sfila senza problemi a dx, quindi all'esterno, a quel punto Bandini si sposta a dx, sempre seguendo la striscia gommata, ma deve ritardare la manovra in quanto Stewart stava per affiancarlo.
Se non siete convinti guardate il primo giro: Lorenzo segue esattamente la stessa linea.
Ma torniamo al famigerato secondo giro.
Hulme che ha sorpassato all'esterno non riesce a stringere perfettamente la traiettoria e il suo ingresso in Chicane non è perfetto. Stewart, anche lui più a dx di quanto volesse, si pianta sia in ingresso che in uscita dove, probabilmente per l'olio e accecato dal filler perde una vita su Bandini.
E se perde una vita sulla Ferrari, immaginate sulla Brabham. Lo scozzese ha almeno 150 mt di distacco.
Ma qui accade un'altra cosa: Hulme percorre il Tabaccaio quasi a passo d'uomo a dimostrazione che d'olio ce n'è eccome. Bandini ancora peggio e viene sorpassato da Stewart probabilmente all'esterno in un punto dove è impossibile farlo se l'altro non si ferma o quasi.
A Gasomentro lo scozzese ha recuperato tutto lo svantaggio sul neozelandese.
Torniamo un attimo indietro. Perché Hulme è uscito dal Tunnel già tutto a dx? La prima ipotesi fatta è perché aveva già visto un rallentamento di Lorenzo. Ci sta, però al terzo passaggio, con Stewart in scia, tiene ancora la linea interna, mentre la BRM segue la linea esterna, quella che il giro prima aveva fatto la Ferrari.
Solo al quarto passaggio Hulme comincia ad uscire dal Tunnel sulla traiettoria "normale".
Conclusione: non è Lorenzo al secondo giro ad affrontare la Chicane in modo stretto per sua volontà, ma perché si è trovato Stewart all'esterno e non ha potuto aprire quanto voleva. Per essere sicuro che la BRM si è spostata dà pure un'occhiata al retrovisore.

Io credo che se Lorenzo ha avuto un qualche problema meccanico questo non è stato al secondo giro. Le vetture meno maneggevoli erano veramente in seria difficoltà, mentre le "piccole" erano fortemente avvantaggiate. Non appena Stewart sorpassa Hulme al Gasometro, sorpasso da standing ovation, se ne va con una differenza di passo incontenibile, cosa che nel primo giro, con pista asciutta non gli era proprio riuscita.
Senza la "vaccata" di Brabham la corsa sarebbe stata tutta differente, forse Hulme avrebbe vinto ugualmente, ma in modo ben diverso.
Con tutto quello che ne è seguito :cry:
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6410
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da nannimeli » 11/06/2018, 10:15

Mi scuso con Avvocatoe con gli altri lettori per non aver letto tutta la sezione Bandini, del resto sono 50 anni, dicesi 50, che sento teorie e teoremi sul'assunto ed a dire il vero negli ultimi decenni era un argomento lontano da me.
Poi il video quasi full, uscito si dice nel 216 e non caricato su your tube, e visibile solo da qualche mese e quindi per me del tutto nuovo mi ha risvegliato perchè come già scritto ci ho visto cose molto diverse da quanto sapevo in passato.

Ho cercato di ragionare e sollecitare i lettori su quanto si vede che e molto ma non tutto.
Che dire? mi sono trovato a leggere opinioni ancora fortemente contrastanti e non so se per me e il caso di continuare, io stesso non ho la verità in tasca ed ho delle perplessità dopo aver visionato la cronologia dei tempi gentilmente postata,infatti dopo qualche giro di grande difficoltà Bandini prende il ritmo del primo e fa tempi fotocopia con quelli di Hlme, quindi una 312 che sta funzonando, poi il disastro, che dire ancora? la chicane non e poi difficle da affrontare a patto di non esagerare, un normale errore? qualche problema in scalata marce? da quel che si vede nel super 8 la 312 sembra entrare scomposta con molto sovrasterzo.
Le testimonianze? chi sente sfollate al cambio? chi reputa il cambio in 5 marcia?.

Ho compreso che non se ne esce e che non se ne uscirà, lamento solo il fatto che non esista almeno fino ad ora un filmato dell'effettivo incidente.

Ringrazio quanti hanno voluto seguire il mio invito a ragionare su questo "quasi full race"
nannimeli
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 78
Iscritto il: 31/05/2018, 17:58

da 330tr » 11/06/2018, 10:55

Ciao, nannimeli, grazie a te per aver riacceso una discussione "estinta".
Probabilmente c'è ancora da dire e da scoprire, ma oggi ci fermiamo qui.
Avvocato punta il dito, e ti pregherei di dare grande peso alle sue parole, sul modo al limite del criminoso nella gestione dei box, sia durante che (forse peggio ancora) DOPO la gara, con il terribile insulto umano a Margherita.
Per quanto riguarda un guasto, nulla è impossibile, cambio o...farfalla spalancata..
Fatto sta che se ci fosse stato un rail non parleremmo di tragedia.
Un guasto ci può sempre stare, morire trapassati da una ringhiera a bordo pista è inaccettabile.
Purtoppo gli standard di allora permettevano ancora questo "preistoricume"..
Anche qui discorsi già affrontati ampiamente.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4293
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da sundance76 » 11/06/2018, 11:01

330tr ha scritto:morire trapassati da una ringhiera a bordo pista è inaccettabile.


Ma sul rottame dell'auto si vedeva lo squarcio nella carrozzeria o nel telati provocato dalla ringhiera? Non ci ho mai fatto caso...
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da 330tr » 11/06/2018, 12:31

Bisognerebbe controllare le foto del dopo, la macchina sventrata e bruciata..non ne ho granché voglia, sinceramente..
Fatto sta che nascoste in qualche ufficio della polizia monegasca o chi per essa ci sono tutte le foto peritali e le relazioni sul crash..
Non credo possano aggiungere granchè, ma chissà..magari un particolare della leva del cambio..
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4293
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da Powerslide » 11/06/2018, 13:02

Lorenzo è morto per le ustioni riportate e su questo non c'è alcun dubbio.
I medici però parlarono di lesioni gravi alla parte sinistra del corpo che furono oggetto di un delicato intervento chirurgico. Sebbene importanti queste lesioni non furono però tali da creare un serio pericolo di vita.
Si evince anche da ciò che la Ferrari venne passata da un oggetto che altro non può essere se non la famigerata balaustra della scaletta. Questa, oltre a colpire il pilota, squarciò il serbatoio di sinistra come dimostra la lunghezza della striscia di fuoco sulle balle di paglia.
E' strano, anche per l'epoca, che sebbene presenti in altri punti del circuito, non vennero approntati guard-rails a protezione di una banchina che dava direttamente in mare. Strano anche perché c'era stato il precedente di Ascari.
Il guard-rail venne messo l'anno successivo, ma in maniera tanto demenziale che quasi decapitò Regazzoni nella gara di F3.
Abbiamo spesso asserito che occorre trattare la vicenda Bandini con il metro di quegli anni, ma occorre dire che Montecarlo era gravemente carente in sicurezza anche con il comune senso del rischio dell'epoca.
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 6410
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da avvocato » 11/06/2018, 15:07

Non c'è nulla di cui ti debba scusare, caro nannimeli. La mia considerazione era soltanto tesa a sottolineare che tanto abbiamo approfondito tre anni fa e che se ci sono nuovi elementi documentali da analizzare, tanto meglio. Il rispetto per le impressioni e le considerazioni è massimo, però sono appunto impressioni.

Vorrei fare un pò di polemica: ieri vince Vettel in Canada, a 14 anni all'ultima vittoria ferrarista di Schumi, e dopo 40 anni dalla prima vittoria ferrarista di Gilles: grande ricordo con Jacques che guida la T3, dedica della vittoria da parte di Seb, che saltella come un grillo con la bandiera in mano. Tutto bellissimo e fanfare al massimo.

L'anno scorso Seb vince a Montecarlo, a 16 anni dall'ultima vittoria ferrarista di Schumi, e dopo 50 anni esatti dalla morte di Lorenzo, avvenuta a Monaco con la Ferrari. Seb è felice, ma nulla dedica a Lorenzo, e non salta come un grillo, e la Ferrari tace.

Ora, comprendo il fascino dell'Aviatore Canadese, comprendo che si fosse in Canada, ma porca miseria, perchè devono esistere morti figlio di un Dio così minore?
Avatar utente
avvocato
GP2
GP2
 
Messaggi: 910
Iscritto il: 10/12/2014, 16:02

da 330tr » 11/06/2018, 17:53

Come già scrissi a Montecarlo ci sono diversi busti di bronzo, anche a figura intera, di vari piloti e vetture.
Nemmeno una tessera di mosaico per Lorenzo.
Fu una pagina nera da dimenticare, per il principato.
Una pagina nera da dimenticare, per la Ferrari.
Alle pagine nere non si erigono monumenti.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 4293
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da nannimeli » 11/06/2018, 17:59

Caro Avvocato, sai quale e la verità? che chi ha vissuto quel periodo ancorchè giovane adesso e vecchio, si, siamo vecchi con la nostra passione, il notro affetto per i piloti di allora, i nostri ricordi, vecchi ma sempre tosti no?.

Oggi se chiedi ad un giovane di Bandini, di Jim Clark di Surtess si Stewart stai certo che non sanno neppure chi siano, Villeneuve e stato idolatrato ma a mio avviso e l'esempio di ciò che un pilota non doveva fare ma magari ci tornerò sopra.

Quattro ruote attacate al telaio ed un motore il resto la faceva il pilota, questa era la mia Formula uno.
nannimeli
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 78
Iscritto il: 31/05/2018, 17:58

da leon_90 » 11/06/2018, 18:22

nannimeli ha scritto:Oggi se chiedi ad un giovane di Bandini, di Jim Clark di Surtess si Stewart stai certo che non sanno neppure chi siano


Io ho 28 anni, penso di qualificarmi ancora come 'giovane' (almeno anagraficamente) :D :D
Immagine
Avatar utente
leon_90
Formula 3000
Formula 3000
 
Messaggi: 552
Iscritto il: 23/02/2015, 20:21
Località: Puglia

da sundance76 » 11/06/2018, 19:16

Powerslide ha scritto:E' strano, anche per l'epoca, che sebbene presenti in altri punti del circuito, non vennero approntati guard-rails a protezione di una banchina che dava direttamente in mare. Strano anche perché c'era stato il precedente di Ascari.
Il guard-rail venne messo l'anno successivo, ma in maniera tanto demenziale che quasi decapitò Regazzoni nella gara di F3.


Strano che negli anni '30 le protezioni sul mare fossero quantomeno maggiori rispetto agli anni '50-'60:
Allegati
1936luigifagioli.jpg
1936luigifagioli.jpg (364.1 KiB) Osservato 2212 volte
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd67cDAmDI
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da duvel » 11/06/2018, 19:25

sundance76 ha scritto:

Strano che negli anni '30 le protezioni sul mare fossero quantomeno maggiori rispetto agli anni '50-'60:


Osservazione più che pertinente!
Avatar utente
duvel
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 2115
Iscritto il: 04/11/2007, 0:00
Località: Bergamo

da avvocato » 12/06/2018, 13:10

nannimeli ha scritto:Caro Avvocato, sai quale e la verità? che chi ha vissuto quel periodo ancorchè giovane adesso e vecchio, si, siamo vecchi con la nostra passione, il notro affetto per i piloti di allora, i nostri ricordi, vecchi ma sempre tosti no?.

Oggi se chiedi ad un giovane di Bandini, di Jim Clark di Surtess si Stewart stai certo che non sanno neppure chi siano, Villeneuve e stato idolatrato ma a mio avviso e l'esempio di ciò che un pilota non doveva fare ma magari ci tornerò sopra.

Quattro ruote attacate al telaio ed un motore il resto la faceva il pilota, questa era la mia Formula uno.


Gentile Nannimeli, sono nato nel 1971 e quindi Lorenzo, così come tanti altri splendori, non me lo sono potuto godere in diretta. Però il ricordo vive, di lui e di tanti altri come lui.
Avatar utente
avvocato
GP2
GP2
 
Messaggi: 910
Iscritto il: 10/12/2014, 16:02

da nannimeli » 12/06/2018, 14:01

Sei ancora parecchio giovane, io sono vicino agli "anta" ed ho visto diverse gare di Bandini ma non solo, il grande JIm Clark, che vidi per la prima volta a Siracusa nel 1965, Graham Hill simpatico dalla verve tipicamente inglese,Surtess, sempre concentrato sul suo lavoro e che non lasciava spazio alla mondanità, Bandini, tipico italiano Bruno e piacevole, dai modi gentili, Mike spence più lento di Clark ma anche lui tipico inglese biondo e dinoccolato, Mike hailwod passato dalle moto al team di Parnell che usava delle Lotus 25 motorizzate BRM, Innes Ireland, gentil'uomo di campagna inglese sempre con la sigaretta in bocca, l'onnipresente Bonnier, svedese che viveva in Svizzera e presidente della prima associazione piloti, Lodovico Scarfiotti parente degli Agnelli, tratti nobili e signorili ma pilota tosto reo di aver aspettato troppo Ferrari ma a quell'epoca non c'era molta scelta, Giancarlo Baghetti anche lui persosi dietro a Ferrari, poi il simpatico Siffert che quando arrivava in sicilia ne assorbiva tutto il fuoco disputando corse magnifiche, il preside volante Vaccarella un vero uragano con i prototipi dall'apparenza calma e compassata, Steward piccolo e dagli occhietti vivaci, era stato campione di tiro con il fucile,Brabham che tanti dicevano essere burbero invece gentile e disponibile, Hulme che come detto non aveva il pyshic du role ma era tosto e competente, Peter Revson appena arrivato dagli stati uniti, aveva comprato una vecchia Lotus 24 con motore BRM, giovane e bello forse faceva meglio a dedicarsi a fare l'attore troppo bello per fare il pilota, di molti altri di quel periodo potrei parlare, di quante trasferte in giro per l'europa a seguire i Gp.
Chiudo con un piacevole aneddoto, Monza 1967 sono alle spalle delle tribune sopra i box e sto cercando di intrufolarmi nei box ma non c'è verso un cancello con quattro persone chiude l'ingresso, nulla da fare, reti alte tutt'intorno, cominciano ad arrivare le monoposto alla spicciolata spinte a mano dai meccanici e con i piloti a fianco a piedi, il cancello si apre di volta in volta, sta arrivando la Eagle V12 di Scarfiotti, un lampo mi entra nel cervello quasi senza pensarci mi metto dietro una ruota e spingo assieme ai meccanici, minchia il cancello si apre a passiamo dentro, uno dei meccanici si avvede della cosa e divertito lo fa notare agli altriche ridono anche loro, gli Italiani sono un popolo di inventori, specie gli appassionati di F1.
nannimeli
Go-Kart
Go-Kart
 
Messaggi: 78
Iscritto il: 31/05/2018, 17:58

PrecedenteProssimo

Torna a Formula 1 Storica

  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 5 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 5 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 142 registrato il 22/08/2019, 13:04
  • Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti