Fratelli Marzotto: i "Conti correnti"

GP2 Series, Rally, Nascar, Cart, IRL, Superbike, MotoGP etc etc

da sundance76 » 15/07/2012, 13:20

Immagine

E' morto il conte Giannino Marzotto, industriale dai mille interessi, che fu anche grande campione d'automobilismo, vincendo la Mille Miglia nel 1950 e nel 1953.

Anche i fratelli furono ottimi piloti stradisti.

http://www.quattroruote.it/notizie/eventi/lutto-nel-mondo-dell-auto-addio-a-giannino-marzotto

Adesso dei vincitori della leggendaria Mille Miglia, la corsa delle corse, rimane in vita il solo Stirling Moss. Sabato 14 maggio, infatti, il conte Giannino Marzotto, 84 anni, ha chiuso con questo mondo vittima di un male incurabile.

Due volte la Mille Miglia. Industriale, mecenate, collezionista d'arte, per noi del mondo auto resterà sempre il vincitore di ben due edizioni della Freccia Rossa al volante della Ferrari. Asso di straordinario valore, fu capace di mettersi dietro i più grandi campioni dell'epoca pur senza essere un habitué dei circuiti. Le cronache lo ricordano soprattutto perché aveva vinto correndo con un elegante doppiopetto anziché indossare la tuta o la maglietta come usavano i suoi avversari; un fare al limite dello snobismo che invece che esaltarne le immense capacità lo aveva fatto entrare meno di quanto meritsse nel cuore degli appassionati che non capivano, che non riuscivano ad inquadrarlo come asso del volante.

Diede dodici minuti a Fangio. Al contrario lui puntualmente aveva sconfitto i più bravi in circolazione. Nel 1953, al via da Brescia, si era trovato a combattere contro tre campioni del mondo come Farina, Ascari e Fangio più Hawthorn che iridato in F.1 non era ancora ma lo sarebbe diventato più avanti; e inoltre con i migliori specialisti, da Moss a Villoresi, quindi Kling, Taruffi, Bonetto, Maglioli, Valenzano, Sanesi, Castellotti, Cabianca… Vinse staccando Fangio di ben 12 minuti!

Sempre tra i migliori. Fangio, evidentemente, era una sua vittima designata, perché gli era arrivato dietro (terzo) anche nel 1950, prima vittoria di Marzotto alla Mille Miglia. E anche quell'anno i bravi c'erano tutti, da Serafini a Bracco, e poi Biondetti, Fagioli, Ascari, Musso, Bonetto, Villoresi, Cortese (erano partiti in 750...). Una lista lunga come il suo talento, tanto che molti si sono sempre chiesti perché l'impavido Marzotto, che nel tempo si era dilettato anche con il volo e la motonautica, non avesse insistito con più convinzione nel mondo delle corse. Invece si era impegnato poco e per poco tempo (vanta anche un quinto posto alla 24 Ore di Le Mans), troppo presto coinvolto nell'azienda di famiglia.

C.C.
Ultima modifica di sundance76 il 15/07/2012, 17:23, modificato 1 volta in totale.
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7817
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da sundance76 » 16/07/2012, 10:38

Da "Auto d'Epoca" del febbraio 2004, intervista di Danilo Castellarin.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7817
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da Niki » 16/07/2012, 11:34

:thumbup1:
Immagine
una parola e cinque emoticon: l'alfabeto del deficiente
Avatar utente
Niki
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 14350
Iscritto il: 03/02/2004, 0:00

da Prinz4L » 16/07/2012, 22:23

Da vicentino e da appassionato penso che un personaggio cosi' sara' difficile incontrarlo in futuro: elegante e forse snob, e' comunque riuscito a farsi apprezzare in ogni classe sociale. Ben altro lignaggio rispetto a tanti dal portafoglio gonfio ma con l'educazione di una pantegana che scorrazzano la domenica a bordo delle GT, sgasando al primo rettilineo (!) illudendo e illudendosi d'essere piloti da Mille Miglia. Lui l'aveva corsa (e vinta) per davvero.

Addio Conte, non mi era particolrmente simpatico ma rappresentava, nel bene e nel male, un pezzo di Automobilismo. :thumbup1:
Amo pensare che la Ferrari può costruire piloti quanto macchine. Alcuni dicono che Gilles Villeneuve sia pazzo. Ma io dico: lasciate che provi.
Avatar utente
Prinz4L
Formula 3000
Formula 3000
 
Messaggi: 723
Iscritto il: 25/03/2009, 22:51
Località: Vicenza

da Powerslide » 17/07/2012, 0:24

Ho sempre pensato che uno che corre in doppiopetto e vince sia un grande.  Dopo aver letto l'intervista debbo stimarlo ancora di più.

R.I.P.
Io non accetto che per trovare l’effetto suolo si debba strisciare per terra. Secondo me è assurdo, è immorale da un punto di vista tecnico. (Mauro Forghieri)
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 5852
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da Pedro59 » 17/07/2012, 12:19

Con il Conte Giannino Marzotto tramonta definitivamente un'epoca, quella dei gentlemen drivers capaci di sfidare i professionisti, magari non dappertutto, ma certamente su strada dove l'istinto e l'improvvisazione hanno la loro importanza.
Lui, di questa folta schiera di personaggi irripetibili, era giustamente il più popolare, probabilmente anche il migliore. Correva "perché era il suo piacere" non ammetteva di correre per vincere. Forse gli pareva "insopportabilmente plebeo", o magari soltanto "poco signorile". §
Guardate le foto dei due vincitori della Mille Miglia del '49, Biondetti, e del '50, lui, il conte Giannino.
Il grande Clemente ha la faccia del macchinista a vapore, nera e stanca, indossa una tuta da meccanico sgualcita e dal labbro gli pende una sigaretta, il conte indossa un doppiopetto della sua azienda, una cravatta ed ha il volto sereno di chi ha fatto una passeggiata fuori porta. E' il primo ad apparire così e lancia una moda: seguita nel '51 da Villoresi e nel '52 da Bracco.
Di Mille Miglia ne ha vinte due, ma forse solo in quelle si è realmente impegnato. Nel '51 volle correre con la sua 212 Export "uovo" fatta modificare dal carrozziere Fontana, cosa che fece adirare non poco Enzo Ferrari. Alla Mille Miglia non ebbe fortuna, ma poi con la sua creatura vinse nello stesso anno la Coppa della Toscana. Nel '52 non partecipò alla "freccia rossa"e al suo posto (o a quello di Villoresi appiedato da un incidente) prese il via un altro gentleman dal piede pesante, il biellese Bracco. Nel '53 la seconda vittoria e nel '54 la scelta di partecipare, con la Ferrari 375, macchina potenzialmente vincente, in coppia con la bella cognata Gioia Tortima, per una corsa più che altro divertente e conclusa a Roma.
Uno dei luoghi comuni che lo riguardano  è che Giannino Marzotto andasse forte solo alla Mille Miglia. Errore: nel 1953 è il migliore (assieme al fratello Paolo) dei ferraristi a Le Mans (5° assoluto), vince ed arriva secondo alla Coppa d'Oro delle Dolomiti, vince il Circuito di Caracalla  a Roma nella Tre Ore Notturna del 1950, davanti a Stagnoli e Cortese.
E' un pilota "pulito": un solo incidente, al Circuito di Senigallia del '51..
Anche quando smette lo fa a modo suo, con classe, decidendo per il meglio secondo il suo metro.
Ha scritto un libro per Fucina Editore. L'ho letto, non è un capolavoro. Almeno secondo me.Confusionario, senza un filo logico definito, parole e concetti in libera uscita e non tutti condivisibili, ma così come quando correva, il Conte non l'aveva certo scritto per altro che non il suo piacere.
Coerente anche nello scrivere.
"For if the trumpet give an uncertain sound, who shall
prepare himself to the battle?"  1 Corinthians 14/8
------------
"Che la vuoi una mora ?" - stepv11 /15-11-11
"Dou you like a blackberry ?"
"Machen Sie mögen eine Brombeere ?"
"Est ce que tu veux une mûre ?"
"Hágale quiere una zarzamora ?"
Avatar utente
Pedro59
Formula 1
Formula 1
 
Messaggi: 1418
Iscritto il: 30/08/2008, 14:34
Località: S.Piero a Sieve (FI) - Mugello

da sundance76 » 18/07/2012, 9:27

Non sapevo che Marzotto avesse vinto anche il GP di Rouen F2 nel 1951. Mica noccioline..

Ho trovato alcune foto. Le prime due sono identiche e riguardano le prove, la terza è in gara.

Immagine

Immagine

Immagine
Ultima modifica di sundance76 il 18/07/2012, 9:33, modificato 1 volta in totale.
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7817
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da Jackie_83 » 19/07/2012, 18:36

Immagine
Avatar utente
Jackie_83
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 6641
Iscritto il: 04/07/2005, 23:00
Località: Terra di mezzo

da sundance76 » 19/07/2012, 19:22

"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7817
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da sundance76 » 16/02/2017, 0:22

Da "Auto d'Epoca" di gennaio 2006, intervista di Danilo Castellarin.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7817
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da 330tr » 16/02/2017, 6:23

Grazie di cuore, Sun!
Fantastico, bellissimo, meraviglioso racconto di un'era vissuta in prima persona. Mi ha fatto distaccare dall'oggi per volare in un mondo scomparso, meraviglioso e terribile insieme.
Avatar utente
330tr
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 3072
Iscritto il: 22/02/2010, 18:27
Località: Brescia

da jackyickx » 16/02/2017, 7:24

Grazie Sun, me lo gusterò con calma!
Avatar utente
jackyickx
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 1994
Iscritto il: 06/10/2006, 23:00
Località: chieti

da Powerslide » 16/02/2017, 10:30

Semplicemente stupendo :clap: :clap: :clap: :clap:

Grazie sun :violin: :violin:
Avatar utente
Powerslide
Team Manager
Team Manager
 
Messaggi: 5852
Iscritto il: 16/01/2007, 0:00

da sundance76 » 16/02/2017, 14:29

Grazie a voi che condividete l'interesse, la passione e l'entusiasmo per quelle corse, quelle macchine e quei Personaggi.
"Chi cerca di conoscere il passato capirà sempre meglio degli altri il presente e il futuro, e non soltanto nel nostro piccolo mondo di effimere quanto amate frenesie corsaiole." G. C.

http://www.youtube.com/watch?v=achUvYrtqLU
Avatar utente
sundance76
Global Moderator
Global Moderator
 
Messaggi: 7817
Iscritto il: 21/05/2006, 23:00
Località: Isola d'Ischia

da leon_90 » 16/02/2017, 20:26

Per far diventare da corsa un'auto normale basta davvero poco: è sufficiente schiacciare forte il pedale dell'acceleratore...

Adoro :D :D :clap: :clap:
Immagine
Avatar utente
leon_90
Formula 2
Formula 2
 
Messaggi: 378
Iscritto il: 23/02/2015, 20:21
Località: Puglia

Prossimo

Torna a Mondo Motori

cron
  • Messaggi recenti
  • Messaggi senza risposta
  • Chi c’è in linea
  • In totale ci sono 3 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 3 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
  • Record di utenti connessi: 78 registrato il 02/09/2017, 14:38
  • Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti